Italian Dairy industry an overview

    Italia, dove la tradizione è industria

    L’Italia è uno dei principali protagonisti dell’industria lattiero casearia internazionale: la produzione nazionale combina qualità, volumi e tradizione. Le più avanzate tecnologie nella produzione hanno trasformato il latte in una bevanda molto apprezzata – fresco, UHT , LSL – compatibile con speciali regimi dietetici e accessibile anche ai consumatori con intolleranze alimentari.

    La tradizione casearia nazionale è testimoniata da 37 formaggi a Denominazione di Origine Protetta e da numerosissimi formaggi tipici, dove la pratica tradizionale è diventata processo industriale, oltreché da formaggi ottenuti con moderne tecnologie di produzione. Una varietà di prodotti che soddisfa le variegate ed esigenti richieste dei consumatori nazionali ed esteri.

    Gli yogurt ed i latti fermentati sono disponibili in una ampia varietà di gusti, formati e rispondono a le più diverse occasioni di consumo. Ai prodotti tradizionali, si affiancano i latti fermentati probiotici che grazie alla intuizione che caratterizzò le ricerche di Metchnikoff un secolo fa, vanno incontro alle nuove esigenze dei consumatori in materia di prodotti salutistici.

    I numeri del settore lattiero-caseario

    Il comparto lattiero caseario italiano, con i suoi 14,2 miliardi di fatturato, rappresenta il primo comparto alimentare nazionale.

    Il 75% della produzione lattiera è concentrata nelle regioni del Nord tra Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Piemonte.

    Complessivamente in Italia si producono 11 milioni di tonnellate e se ne lavorano 13 milioni dando vita, tra l’altro, a 1 milione di tonnellate di formaggio (di cui più di 440 mila tonnellate di formaggi DOP), a quasi 3 milioni di tonnellate di latte alimentare fresco (1.300.000 t) e UHT (1.600.000 t) e 190.000 tonnellate di yogurt e latti fermentati.

    Tableau

    I Formaggi Italiani: varietà, qualità e sicurezza

    L’industria lattiero casearia italiana produce una grande varietà di formaggi tradizionali, tutti unici per caratteristiche organolettiche e nutrizionali, oltre che per i processi di lavorazione:

    La Mozzarella occupa il primo posto in termini di volumi prodotti – 275.000 tonnellate/anno – seguita dai due formaggi DOP più conosciuti e popolari al mondo:

    Grana Padano – con 163.000 tonnellate/anno è il più esportato

    Parmigiano Reggiano – con 116.000 tonnellate/anno è il più imitato

    Gorgonzola, Pecorino Romano, Gorgonzola, Asiago, Taleggio sono anch’essi parti della tradizione italiana di qualità.

    Tableau

    Le esportazioni

    L’Italia esporta quasi 250.000 tonnellate di formaggio, per un valore di 1,4 miliardi di euro. I principali formaggi esportati sono Mozzarella e altri formaggi freschi (36,4%), Grana Padano DOP e Parmigiano Reggiano DOP (25%), Pecorino Romano DOP, Gorgonzola DOP e Provolone.

    Tableau